inicio mail me! Torna su Vai giù

L'Associazione "Ricerca In Movimento" è stata costituita per fornire un appoggio formativo, pratico e morale alle famiglie con pazienti affetti da Corea di Huntington a partire dal 1994 fino al 2002. La "Mauro Emolo Onlus" nata da una costola dell'Associazione "Ricerca In Movimento" è attiva dal 2001 e si occupa di finanziare la produzione di materiale informativo sulla Corea di Huntington (spot, campagne stampa, sito internet, numero verde) oltre a tutte le iniziative utili alla ricerca e alle famiglie.

tag²: disordine genetico

Gli effetti neuroprotettivi di cellule incapsulate producenti CNTF in un modello roditore della Malattia di Huntington sono dipendenti dalla prossimità dell’impianto rispetto allo striato lesionato.

Ricevuto da Gerrit Dommerholt, presidente dell’European Huntington Association.

Cell Transplant. 2004;13(3):253-9.

Emerich DF, Winn SR.
CytoTherapeutics, Inc., Providence, RI, USA. ed3fjm@aol.com

La Malattia di Huntington è un disordine genetico devastante che al momento non presenta nessun effettivo trattamento per prevenire o ridurre la degenerazione neuronale che lo provoca. Il rilascio intracerebrale di CNTF in modelli animali affetti da MH ha mostrato promesse notevoli come mezzo di protezione dei neuroni striatali, che sarebbero altrimenti destinati a morire.

Questo studio esamina sia gli effetti neuroprotettivi dovuti al bisogno di CNTF, sia che il rilascio avvenga nella zona immediatamente prossima alla regione della lesione ovvero quali effetti protettivi possano essere ottenuti quando la zona di rilascio è più distante dalla zona lesionata.

Delle cellule incapsulate che producono CNTF sono state impiantate nel ventricolo laterale sia ipsilaterale or contralaterale con un’iniezione di un acido quinolinico (QA) intrastriatale. Un forte effetto neuroprotettivo è stato osservato solo in quegli animali che hanno ricevuto l’iniezione di QA di impianti di CNTF ipsilaterali. In questi animali la perdita di attività striatale ChAT e GAD come pure il danneggiamento comportamentale sono stati completamente prevenuti.

In contrasto, nessun beneficio neurochimico o comportamentale è stato prodotto dagli impianti di cellule che producevano CNTF nel ventricolo contralaterale.

Questi dati continuano a sostenere l’uso del rilascio di CNTF per la MH con la cautela che rende necessario il rilascio sia fatto direttamente nello striato, se si vogliono ottenere dei benefici clinici.

Tradotto letteralmente da Paola Barbato.

20 giugno 2004 Pubblicato da admin 0